Cerca nel blog

lunedì 18 luglio 2011

Il valore dell'acqua.

http://www.ibs.it/code/9788866202219/d-angelis-erasmo/valore-dell-acqua.html

martedì 28 giugno 2011

Confessions of a Reluctant Diplomat. My Mandate as OSCE Representative on Combating Religious Intolerance and Discrimination by Massimo Introvigne

Confessions of a Reluctant Diplomat. My Mandate as OSCE Representative on Combating Religious Intolerance and Discrimination

by Massimo Introvigne
A paper presented at the Banquet for the CESNUR 2011 Conference in Danshui (Taipei), Taiwan, June 22, 2011. The opinions expressed are strictly personal, and do not necessarily represent those of OSCE or its Chairmanship

On January 5, 2011, I have taken on the role of Personal Representative of OSCE (Organization for Security and Co-operation in Europe)’s Chairman-in-Office on combating racism, xenophobia and discrimination and intolerance against Christians and members of other religions – that makes, at least, for a long business card. I am the third such Representative after the office was established, and the first scholar – my two predecessors were politicians. Headquartered in Vienna, OSCE has 56 participating States including the U.S., Canada, all the States of Europe and these resulting from the collapse of the Soviet Union, many of which are in fact located in Asia. A number of non-participating States have signed partnership agreements, and also maintain embassies to the OSCE in Vienna. Representatives’ positions are honorary, which translated from diplomatic jargon does not mean that we only pretend to work, but means that we do not receive any monetary compensation.
Although the other parts of my mandate are also interesting – for instance, I devote a substantial portion of my time at OSCE to Roma and Sinti issues – I will focus in this speech on intolerance, discrimination and persecution against Christians, a subject of great magnitude and concern. According to the well-known religious statisticians David B. Barrett and Todd M. Johnson (see «Christianity 2011: Martyrs and the Resurgence of Religion», International Bulletin of Missionary Research, vol. 35, no. 1, January 2011: 28-29), 100,000 victims in 2010 is a reliable estimate of Christian martyrs, i.e. Christians killed for their faith (as opposed to victims of political or ethnical wars just happening to be Christian). Statistics are by definition a matter of contention, but nobody doubts that figures are horribly high, and do more than justify an energetic activity by international organizations such as OSCE in this field.
On 10 January 2011, Pope Benedict XVI delivered his annual address to the Diplomatic Corps, entirely devoted to religious liberty. Although OSCE is obviously a secular entity, I am very grateful to the Pope for having pointed out an agenda which is not aimed only at Catholics or Christians but – on the basis of the universal rights of the human person – is addressed to all people of goodwill.
In his address the Pope highlighted five risks to religious freedom. I would like to elaborate on each of them based on my own OSCE experience. The first concerns a possible confusion about what precisely is religious freedom. (Almost) no government in the world claims to be against religious freedom, but the problem is that the meaning of the expression is interpreted differently. I have heard from several diplomats that in their country there are no problems of religious freedom for Christians, since hundreds of churches are duly open every Sunday. This is a very usual confusion between freedom of religion and freedom of worship. The latter is an important part of religious freedom, but a part nonetheless. Religious liberty should also include the liberty to preach outside of the churches, to convert, to be converted without fear of reprisals, to publish books and magazines, to evangelize via radio, TV, and the Internet, to open schools, to participate without discrimination in the public conversation and in politics.
Christians have a right – not only individually, but collectively – to issue political statements, just as any other body or organization, in matters they regard as morally important without being accused of interfering or stepping outside their purely religious role. I had to defend the right of the Catholic bishops in Malta to publicly state their position on the May 28 referendum about divorce, where in the end 53% of the votes were in favor of divorce and 47% against, showing a very divided public opinion. It is part of religious liberty that the bishops, as any other citizen, have the right not only to tell Catholics that they should not divorce but also to explain and defend publicly their persuasion that divorce is socially harmless to the population in general and should not be introduced in the laws. Of course, those opposing the bishops’ position have the same right to explain and defend publicly their persuasion that the bishops are wrong.
On January 17, 2008 the Pope should have visited La Sapienza University in Rome. The fact that the visit was canceled due to the protest of a small minority of teachers and students and to the statement by the Italian government of the time that it would have been quite difficult to protect the Pope from unpleasant incidents is in itself a testament to the fact that problems of religious liberty for Christians do really exist everywhere. In the published text of his intended speech, the Pope quoted non-Catholic American philosopher «John Rawls [1921-2002] [who], while denying that comprehensive religious doctrines have the character of “public” reason, nonetheless at least sees their “non-public” reason as one which cannot simply be dismissed by those who maintain a rigidly secularized rationality». Rawls implied that the Church has no more rights than anybody else to speak in public on controversial political issues, but it is also true that it has no less rights. In fact, as Rawls summarized by the Pope went on, perhaps the Church deserves to be heard even slightly more than somebody else. At least, its «doctrines derive from a responsible and well thought-out tradition in which, over lengthy periods, satisfactory arguments have been developed in support of the doctrines concerned».
Another misconception, more frequent – as we would say in OSCE jargon, with reference to where the organization is headquartered – «west of Vienna» than «east of Vienna», is in fact to confuse religion freedom with relativism and the idea that religion is not important, a marginal component of public life. This is not a merely theoretical question. In fact, the fear that religious freedom bears with it a relativism and an underestimation of the role of religions typical of the modern West is the primary reason why countries with a strong Islamic, Hindu or Buddhist religious identity resist the application of international conventions in the area of religious freedom. They are afraid that accepting religious freedom necessarily means ceding to the relativism and indifferentism characteristic of a certain modern Western culture. They must be convinced that this is not the case.
The second risk identified in the Pope’s address on 10 January 2011, to which I now return as an «index» of the current issues in terms of religious freedom, is that of the attempt by Islamic ultra-fundamentalism, which should not, of course, be confused with Islam in general, to bring an end to the bi-millennial existence of Christian communities in the Near East and to close down missionary churches elsewhere, resorting even to terrorism. In some countries the attempt at a religious cleansing which would definitively eliminate Christians is by now all too clear. It is true that governments distance themselves from the ultra-fundamentalists. But the time of words not followed up by actions has gone. There is a need to adopt effective measures for the protection of religious minorities.
Nor is it a problem just of police, whose action in countries such as Egypt is however very important and must make a qualitative leap, despite the recent difficulties, if non-cosmetic results are to be achieved. It is also a matter of laws. In some Islamic countries if someone converts from Islam to Christianity, he or she is punished by laws against apostasy and – where these laws have been revoked following Western pressure – by norms against blasphemy, which are often just disguised laws against conversion. The Pope, explicitly naming names, stated: «Among the norms prejudicing the right of persons to religious freedom, particular mention must be made of the law against blasphemy in Pakistan: I once more encourage the leaders of that country to take the necessary steps to abrogate that law, all the more so because it is clear that it serves as a pretext for acts of injustice and violence against religious minorities».
The third risk – often little known or under-estimated – is constituted by aggressions against Christians by Hindu or Buddhist «fundamentalists», again not to be confused with Hinduism or Buddhism in general, who identify the national identity of their countries with religious identity, sometimes defended violently against Christianity. These are what the Pope calls «troubling situations, at times accompanied by acts of violence […] in south and south-east Asia, in countries which for that matter have a tradition of peaceful social relations. The particular influence of a given religion in a nation ought never to mean that citizens of another religion can be subject to discrimination in social life or, even worse, that violence against them can be tolerated».
The fourth risk is constituted by the fact that, even if many people would like to forget it, there are still Communist regimes out there. «In a number of countries», the Pope states clearly alluding to these regimes, «a constitutionally recognized right to religious freedom exists, yet the life of religious communities is in fact made difficult and at times even dangerous (cf. Dignitatis Humanae 15) because the legal or social order is inspired by philosophical and political systems which call for strict control, if not a monopoly, of the state over society». The Pope’s thoughts, there, «turn once again to the Catholic community of mainland China and its pastors, who are experiencing a time of difficulty and trial». Nor is this the only case, if we just think of the largely forgotten drama of Christians in North Korea, a country which every year wins the «Gold Medal» from the Protestant organization Open Doors as the most dangerous place in the world to be a Christian.
The fifth risk is represented by what the Pope in his address to the Roman Curia on 20 December 2010, adapting an expression coined by the well-known American Jewish jurist of South African origin, Joseph Weiler, called the West’s «Christianophobia» (Weiler in fact prefers «Christophobia»). «Turning our gaze from East to West», the Pope said, «we find ourselves faced with other kinds of threats to the full exercise of religious freedom. I think in the first place of countries which accord great importance to pluralism and tolerance, but where religion is increasingly being marginalized. There is a tendency to consider religion, all religion, as something insignificant, alien or even destabilizing to modern society, and to attempt by different means to prevent it from having any influence on the life of society».
Nobody, including the Pope, suggests to compare the killing of Christians in some Asian and African countries to the marginalization of religion in Europe. There is, obviously, a substantial difference between being ridiculed and being shot. However apparently minor incidents may start a process leading to violence. I have formally protested against assaults on churches both in Spain and Italy, where as recently as June 5 a Mass celebrated by a bishop has been interrupted in Milan by gay activists protesting the Catholic Church’s attitude to homosexuals, a kind of incident which would have been inconceivable in Italy just a few years ago and which is now repeating itself all over Europe.
In 2010 the Pope went to England in order to beatify John Henry cardinal Newman (1801-1890). In one of his most famous speeches, the «Biglietto Speech» read in Rome in 1879 when he was created a cardinal by Pope Leo XIII (1810-1903), Newman lamented that in the United Kingdom religion was not openly persecuted but regarded as something which was not polite to mention in the company of gentlemen. «It is as impertinent, Newman said, to think about a man’s religion as about his sources of income or his management of his family». «As to Religion, he added, it is a private luxury, which a man may have if he will; but which of course he must pay for, and which he must not obtrude upon others, or indulge in to their annoyance». It is this kind of marginalization that is the new name of discrimination against Christians in Europe.
The fact that OSCE established the office of a Representative for combating (inter alia) discrimination against Christians represented in itself an achievement for the cause of fighting Christianophobia. Naturally there is no lack of difficulties and opposition, and in times of economic crisis the resources of the international organizations are severely limited.
As regards concrete action for freedom for Christians, the work of my office at OSCE is carried out through diplomatic activity with participating States, statements on specific incidents, and «country visits», sometimes carried out along with the other two Representatives, appointed respectively for combating anti-Semitism and Islamophobia. This work is limited institutionally to the OSCE participating States, but includes interesting countries. Next week I will conduct with the other two Representatives a country visit to France, meeting inter alia with the anti-cult governmental mission MIVILUDES.
On the level of raising awareness about discrimination against Christians, we can certainly do more. We are organizing an OSCE roundtable in Rome on September 12 on the theme of hate crimes against Christians. I have also suggested to the States that wish to participate the celebration of a Day of Christian Martyrs of our time, to be celebrated not – or not only – in churches, where there are already similar initiatives in place, but in schools, cities, and public institutions, because the persecution of Christians does not affect just Christians, but everyone. I suggested the date of 7 May recalling the great ecumenical event which the Blessed John Paul II (1920-2005) celebrated at the Colosseum in Rome on 7 May 2000. The proposal was endorsed by the authoritative Jesuit journal La Civiltà Cattolica in its issue no. 3863 of June 4, 2011 (see there Luciano Larivera S.J., «Le persecuzioni dei cristiani nel mondo»). This day could be an annual opportunity for a collective examination of conscience and for an exacting approach from Europe to the problem of the protection of Christian minorities in various countries.
I keep in my computer a photograph sent to me by an Indonesian priest and later posted on the Internet. It is not a pleasant image. It shows the bodies of two of the three teenage Christian schoolgirls – Theresia, Alvita and Jarni – who were ambushed and beheaded on October 30, 2005 on their way to their Christian school in the Indonesian island of Sulawesi. The perpetrators, who were member of the local affiliate of al-Qaeda, were later identified and arrested. They received quite lenient sentences for Indonesian standards: 20 years for the chief of the commando, 17 years for the other two assassins.
It is always worth re-reading the appeal made by the Blessed John Paul II on 7 May 2000 at the Colosseum at the start of the 21st century which was then just beginning: «In the century and the millennium just begun may the memory of these brothers and sisters of ours remain always vivid. Indeed, may it grow still stronger! Let it be passed on from generation to generation». Perhaps my OSCE activity as a reluctant diplomat may not achieve much. But I like to conceive it as a tribute to the memory of Theresia, Alvita and Jarni. Indeed, let their story be told to our children in the West and to those who ignore it. Yes, let their memory be passed from generation to generation.http://www.cesnur.org/2011/dan-introvigne.html

Arriva la stangata sull’acqua aumenti del 10% in quattro anni dalla "Repubblica"

Arriva la stangata sull’acqua
aumenti del 10% in quattro anni

Approvato il bilancio della società della Regione che sarà ripubblicizzata. Conti a posto per Aqp, che però non rinuncia ad aumentare le tariffe: cresceranno del 10 per cento fino al 2014

di LELLO PARISE AQP non darà più da mangiare, ma i pugliesi continueranno a pagare cara l'acqua da bere. Fino al 2014 la tariffa crescerà di dieci punti percentuali; nel 2015 sarà ritoccata, verso l'alto, di un altro paio di punti e l'oro blu avrà il valore di 1 euro 61 centesimi al metro cubo; dovranno passare altri tre anni perché, nel 2018, il prezzo scenderà di 1 centesimo, a 1 euro e 60. Nel quartier generale di Aqp spiegano: da queste parti, "la tariffa reale media del servizio idrico integrato si trova al quarantaquattresimo posto in Italia sugli ottantotto Ato considerati". Aumenti "contenuti", dunque.

Se l'icona della corruzione è uno spiacevole ricordo, comunque "dobbiamo fare i conti con la realtà", taglia corto il governatore Nichi Vendola: "Per questo non abbasseremo le tariffe". Eppure il referendum cancella i "profitti garantiti" pari al 7 per cento, destinato a "remunerare il capitale investito" sia dagli operatori privati, sia da quelli pubblici. C'era da aspettarsi almeno lo sconto proprio di quel 7 per cento nella regione che ripubblicizza la spa  -  ancorché, come mugugnano i referendari, non eroga gratuitamente il minimo vitale (50 litri a testa)  -  e acquisisce il 100 per cento delle azioni di Via Cognetti una volta saldato il debito con la Basilicata, a cui va un assegno di 12 milioni 200mila euro per la cessione del 13 per cento. Invece, no. Vendola avverte: "Evitiamo di precipitare nei burroni della demagogia". Discorso chiuso.

I ricavi di Aqp grazie alle bollette, nel 2010 ammontano a 428 milioni. Come stanno le cose, nelle casse della società entreranno altri 59 milioni: 14 nel 2011 (442 milioni), 17 nel 2012 (459), 15 nel 2013 (474) e 13 nel 2014 (487 milioni). Non per questo, tuttavia, impazziranno i costi, che si aggireranno stabilmente intorno ai 300 milioni. Negli ultimi due anni, la politica della cinghia stretta evita sprechi per 19 milioni. In questi quattro anni dovrebbe, piuttosto, salire alle stelle il volume degli investimenti: 674 milioni. Ma raddoppierà l'indebitamento: da 219 a 402 milioni.

L'amministratore unico di Aqp Ivo Monteforte, insieme con il dg Massimiliano Bianco, allinea numeri e previsioni all'assemblea dei soci: di fronte a Vendola e all'assessore ai Lavori pubblici Fabiano Amati. Via libera al bilancio e al piano industriale. Alla fine Nichita il Rosso parla di "risultato straordinario".

Il fatturato del gruppo  -  Aqp e le controllate Potabilizzazione, Pura depurazione e Aseco (materializza fertilizzanti eco-compatibili)  -  è di 429 milioni (più 10 per cento rispetto al 2009). Triplica l'utile netto: da 12 a 37 milioni. Raggiunge quota 132 milioni il Mol (margine operativo lordo), quello che resta dei ricavi dopo le spese sostenute per mandare avanti la baracca più grande d'Europa con duemila dipendenti, ventunomila chilometri di condotte, cinque dighe, quattro impianti di potabilizzazione e centottantaquattro depuratori.

Dice Monteforte: "Il bilancio 2010 rispecchia le efficienze conseguite ed è alla base della promozione da parte di Standard & Poor's, che ci eleva al rango di investment grade". Bianco, il direttore generale, non ha dubbi: "Siamo fiduciosi per il futuro. Proseguiremo nel risanamento". A cominciare da quello delle perdite, che secondo i dati di Aqp si attesterebbero al 35 per cento (34,8, esattamente): saranno impiegati qualcosa come 115 milioni di euro per riparare reti, cambiare tubi, potenziare il telecontrollo, sostituire ulteriori 250mila contatori. Anche i morosi non avranno tregua: la prima cosa da fare sarà quella di "affidare a Equitalia il recupero dei crediti"; linea dura contro i "comportamenti opportunistici dei singoli", saranno evitati, ad esempio, "nuovi rapporti commerciali con clienti ad esposizione rilevante" nei confronti delle banche; politica della carota con amministrazioni comunali e Iacp, saranno "sensibilizzati i proprietari di immobili pubblici" perché decidano di realizzare "almeno un allaccio per ogni palazzina".

Sullo sfondo una massa, imponente, di quattrini da tirare fuori dalla tasca: 674 milioni nel prossimo quadriennio soprattutto per "incrementare la dotazione idrica pro capite" (186 milioni) e "mantenere le opere gestite", nel migliore dei modi (175 milioni). Ecco perché sarà inevitabile indebitarsi: 251 milioni quest'anno, 354 l'anno successivo, 383 nel 2013 e 402 milioni di euro nel 2014.

Cifre che mettono i brividi, ma Vendola non ha paura: "Aqp torna ad essere un fiore all'occhiello per i pugliesi e per i meridionali". E' lo stesso Aqp che con le sue riserve, come sottolinea Amati, consente all'amministrazione regionale di "liquidare" i lucani e di restituire al trasporto pubblico locale quei 12 milioni 200mila euro accantonati perché la totalità del pacchetto azionario fosse nelle mani della Puglia. Per il titolare dei Lavori pubblici, si tratta di "un fatto storico e davvero emozionante a distanza di centonove anni dal primo compleanno di Aqp, festeggiato con una sofisticata operazione di ingegneria finanziaria".http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/06/27/news/arriva_la_stangata_sullacqua-18314895/

venerdì 24 giugno 2011

La voglia di Cambiamento a Roseto di Riccardo Di Giuseppe su qui Roseto

La voglia di Cambiamento a Roseto.

Il 30 maggio 2011, al ballottaggio per l'elezione del nuovo sindaco di Roseto, il candidato di centrodestra Enio Pavone ha battuto con 7531 voti, pari al 53,81 per cento, la sfidante di Teresa Ginoble, che si è fermata a 6464 preferenze, pari al 46,18 per cento.
Ma com'è stato possibile per il centrodestra, il quale era reduce dalla più umiliante sconfitta della storia delle elezioni amministrative a Roseto (nel corso della scorsa tornata elettorale, infatti, il centrosinistra si era aggiudicato oltre l'80% delle preferenze) recuperare tutto quello svantaggio ed espugnare Roseto, città che è stata una roccaforte della sinistra da oltre 37 anni?

Per capire come la situazione politica possa mutare così tanto da un'elezione all'altra occorre fare alcune necessarie considerazioni:

  1. L'eccessiva sicurezza del Pd rosetano e la sua insistenza nel non voler ascoltare non solo le opposizioni, ma anche le diverse anime all'interno della propria coalizione, ha causato una frattura insanabile all'interno del centrosinistra a Roseto che si è rimarginata solo in apparenza con degli accordi preelettorali di facciata ( con l'IDV al primo turno e con la sinistra radicale durante il ballottaggio);
  2. La credibilità che ha dato al centrodestra un candidato capace e stimato dall'elettorato di Roseto come Enio Pavone, la capacità del centrodestra locale di formare una coalizione coesa ed allargata;
  3. Un programma serio e realizzabile, spiegato nei particolari, il quale è stato illustrato dettagliatamente negli incontri che si sono susseguiti nelle piazze rosetane;
  4. Un gruppo di giovani militanti del centrodestra che ha lavorato bene sul territorio e che si è dato molto da fare affinchè si potesse raggiungere quest'obiettivo.

A questo proposito va detto che il gruppo di giovani facenti riferimento al centrodestra si è adoperato al massimo delle proprie capacità, sobbarcandosi il peso di una campagna elettorale che pur difficile ha dato degli ottimi risultati.

L'entusiasmo per la vittoria a Roseto, tuttavia, non deve far dimenticare alla nuova amministrazione di centrodestra di Roseto che adesso le aspetta un cammino lungo e tortuoso e che dovrà essere attenta ai problemi di Roseto ed amministrare con lungimiranza ed acume politico se vorrà conservare la fiducia del proprio elettorato.
Per concludere voglio augurare al neo sindaco Pavone ed alla sua giunta comunale un buon lavoro per i prossimi 5 anni, i quali saranno decisivi per il futuro della nostra città!

sabato 5 marzo 2011

Maddy Curtis, il nuovo idolo americano: «non abortite i bimbi down»

2011
Maddy Curtis, nona di dodici figli, quattro dei quali con la sindrome di Down, è la finalista del popolare programma americano Idol dell’edizione 2010. Viso giovane e ormai noto della televisione americana, con i suoi 20 anni ha condiviso la sua bella voce e la sua convinzione in difesa della vita umana dal concepimento alla morte naturale. Come racconta su ArgentinoSalertahttp://www.argentinosalerta.org/index.php/component/content/article/1-familia-y-vida/1395-maddy-curtis-de-finalista-en-la-loperacion-triunfor-americana-a-la-defensa-de-la-vida-humana-video, la sua fede cattolica e l’esperienza di famiglia hanno svolto un ruolo decisivo nella sua carriera come cantante alle prime armi. Dall’amore verso i suoi fratelli ha capito la grandezza del dono della vita: «Credo che Dio abbia voluto usare la mia storia per mostrare quanto siano speciali i bambini con sindrome di Down. Il novanta per cento delle donne incinte che ricevono una diagnosi prenatale di neonati sindrome di Down sceglie l’aborto. Questo mi spezza il cuore. I miei fratelli sono così speciali per me e mi hanno permesso di cambiare molto. Voglio dire a tutti quanto io sia sia felice e contenta di poter vivere assieme a loro». Putroppo la Curtis ha pienamente ragione, come dimostrano diversi studi sociologici citati da Avvenire 23/2/10http://www.avvenire.it/Cronaca/BAMBINI+DOWN+FACEBOOK_201002230953517370000.htm.

http://www.youtube.com/watch?v=PNUL4HPgmvA&feature=player_embedded



Storici rispondono a Riccardo Di Segni: «bimbi ebrei sempre restituiti a famiglie»

A 13 mesi dalla visita di papa Benedetto XVI alla Sinagoga di Roma, per il rabbino capo di Roma, Riccardo Segni «non c’è stata ancora alcuna ”risposta decisiva” alla richiesta delle Comunità ebraiche italiane di riportare alla luce le storie dei bambini scampati alla Shoah, nascosti in conventi, battezzati e mai restituiti a quello che rimaneva delle loro famiglie o comunità originarie, spesso lasciati ignari delle loro origini». Si ammette quindi che furono numerosissimi gli ebrei nascosti e salvati nei conventi cattolici (cosa impossibile senza l’autorizzazione del Pontefice), ma si accusa di averli battezzati e lasciati ignari delle loro origini ebraiche.
LO STORICO NAPOLITANO: «TUTTI RESTITUITI»- «La Santa Sede ha sempre restituito alle loro famiglie di origine i bambini ebrei scampati all’Olocausto in istituzioni cattoliche e ha sempre ordinato di non battezzarl», lo ribadisce, in una nota inviata all’ASCAhttp://www.asca.it/news-SHOAH__S_SEDE__BIMBI_EBREI_SEMPRE_RESTITUITI_A_FAMIGLIE__MAI_BATTEZZATI-995602-ORA-.html, il prof. Matteo Luigi Napolitano, Delegato internazionale del Pontificio Comitato di Scienze Storiche per i problemi della Storia contemporanea. «Hanno suscitato grande sorpresa le dichiarazioni dal Rabbino Di Segni sui bambini ebrei scampati alla Shoah, nascosti in conventi, battezzati e mai restituiti dalla Santa Sede alle loro comunita’ e famiglie di origine». Ha continuato Napolitano: «In qualità di Delegato internazionale del Pontificio Comitato di Scienze Storiche per i problemi della Storia contemporanea, tengo a precisare che la Santa Sede ha dato una risposta ampia e documentata alla delicata questione già diversi anni prima: esattamente con un lungo articolo a mia firma, basato su fonti inedite vaticane, e apparso il 18 gennaio 2005 sul quotidiano ”Avvenire”, come pure con il volume ”Pacelli, Roncalli e i battesimi della Shoah” (Piemme 2005), che ho scritto assieme al Dott. Andrea Tornielli. Le nostre ricerche – conclude Napolitano – hanno portato a due importanti conclusioni: le direttive ecclesiastiche furono sempre di non battezzare i bambini ebrei affidati dalle loro famiglie alla Sede Apostolica, affinché sfuggissero alla Shoah; in secondo luogo, la prassi seguita dalla Santa Sede nel dopoguerra (e accadde anche in un caso italiano) fu sempre quella di restituire i bambini alle loro famiglie di origine, ossia a genitori o a parenti, qualora queste fossero tornate a chiederne la riconsegna».
LA STORICA LOPARCO: «POCHISSIMI BATTEZZATI»- Nel 2004, la storica Grazia Loparco, docente alla Pontificia facoltà di scienze dell’educazione Auxilium, pubblicò un ampio studio (“Gli ebrei negli istituti religiosi a Roma”. Dall’arrivo alla partenza (1943-1944), sugli ebrei salvati, per ordine di Pio XII, nei conventi romani: 4.329 in un centinaio di istituti religiosi femminili, in una quarantina di istituti maschili e in una decina di parrocchie. Pubblicati i risultati su Avvenirehttp://www.mascellaro.it/node/459, si conferma che rispetto agli ebrei accolti nei conventi «il numero di battesimi fu minimo» mentre non vi è «alcun caso di non restituzione di bimbi alle famiglie». I bambini degli orfanotrofi ebraici tornarono invece «tutti alle loro comunità», dice la studiosa. E aggiunge che quando alcuni bambini chiedevano il battesimo «venivano dissuasi perché non erano nelle condizioni di libertà per farlo». Fondato su documenti d’archivio e su testimonianze dirette, lo studio è dolorosamente avvincente, non tace infelici tentativi di conversione né omette il caso di sei battesimi a Roma: di cinque «piccole ebree, accolte, salvate e successivamente battezzate» a Santa Maria delle Grazie in via della Balduina, e quindi quello struggente di una neonata, salvata da una razzia dei nazisti dalle Francescane Missionarie di Maria di via Giusti. Lo ricorda vividamente suor Myriam Capone: «Passò proprio lì davanti un camion carico di ebrei, uomini, donne e bambini, sorvegliati dalle SS. Una donna emise un piccolo grido per attirare l’attenzione. La suora guardò e vide che le porgeva, e quasi le lanciava, la bimba che teneva stretta fra le sue braccia. Il camion sparì. Suor Gesù Eucaristia rientrò commossa, con la creaturina tra le braccia. Doveva avere circa due mesi». Trasferita più al sicuro con altre orfanelle, «nessuno venne a cercarla. Compiuti sette anni, venne battezzata col nome di Mirella, nome di battesimo della superiora. Poi è stata adottata, ma veniva molto spesso a trovarci. Anche dopo essersi sposata, ha chiesto dove mi trovavo, ed è venuta a salutarmi con il marito e la figlia adottiva (indiana), fino a Rovereto, dove mi trovavo allora».
Molti altri invece si convertiranno liberamente una volta divenuti grandi. Così come il predecessore di Di Segni, il capo rabbino di Roma di quel tempo, Eugenio Zolli, che appena finita la guerra decise di farsi battezzare con il nome di “Eugenio Pio Israel Zolli“, in forma di gratitudine verso l’operato della Chiesa e del suo Pontefice nei confronti degli ebrei di Roma: «Ciò che il Vaticano ha fatto resterà indelebilmente ed eternamente scolpito nei nostri cuori. Sacerdoti, come pure alti prelati, hanno fatto cose che resteranno per sempre un titolo di onore per il cattolicesimo» (P. Dezza, “Eugenio Zolli: Da Gran Rabbino a testimone di Cristo (1881-1956)” La Civiltà Cattolica, 21/2/1981, pag. 340)

Oscurati i gruppi Facebook contro Yara Gambirasio creati da cyberbulli atei

In Ultimissima 28/2/11http://www.uccronline.it/2011/02/28/facebook-atei-anticlericali-e-uaarini-deridono-sarah-scazzi-e-yara-gambirasio/ facevamo notare come diversi gruppi che deridevano con macabro sadismo la morte di Yara Gambirasio (e ironizzavano sui suoi genitori), postassero contemporaneamente insulti anche verso il Santo Padre e i cristiani. Osservavamo che gli stessi che si sbellicavano dalle risate intitolando e animando gruppi come «Yara e Sara due bimbe minchia in meno» o «Dammi tre parole: Gambirasio senza prole», erano gli stessi che, tra una bestemmia e l’altra, usavano lo stesso tipo di “humor” contro esponenti della chiesa e del mondo cattolico, dicendosi contemporaneamente “fan” dell’UAAR, MicroMega e di tutta una serie di personaggi del panorama ateistico nazionale. Comportamenti presenti esclusivamente sul web, luogo in cui l’illusorio anonimato permette l’abbandono di ogni freno inibitore e scatena la perversione e la frustrazione accumulatasi nel cervello di questi soggetti. Illusorio anonimato perché di fatto -leggiamo su Il Corriere della Serahttp://www.corriere.it/cronache/11_marzo_01/yara-chiusi-gruppi-facebook-offensivi_029a2b90-4404-11e0-b1c1-dd3fc08b55ae.shtml- tutti i gruppi sono stati chiusi e la polizia postale ha chiesto anche di potere risalire agli amministratori. Il quotidiano cita anche il gruppo (che al momento di scrivere è stato definitivamente oscurato) «Sarah Scazzi contro Yara Gambirasio (Schieramento Sarah Scazzi)». Il giornalista riporta le parole di uno degli amministratori (un certo Pà Pasalaqua), il quale deve evidentemente aver letto l’articolo che l’UCCR ha scritto in proposito. Tant’è che scrive: «Ci definiscono cyberbulli atei. Lol [cioè, risata...]». Condividiamo l’ironia dell’articolista de Il Corriere, il quale risponde: «Che ci sarà da ridere, però, non si capisce». Qualcuno è arrivato perfino a difendere questi personaggi (lo leggiamo dai commenti che il nostro articolo ha ricevuto) riducendo questo comportamento a semplice “Humor Nero”. Come se classificare questo tipo di ironia ne giustificasse l’uso e rendesse l’insulto meno offensivo verso le persone coinvolte in queste tragedie. Altri invece sostengono che sbeffeggiare la vicenda di Yara o di Sarah Scazzi sarebbe educativo verso i giornalisti e i bigotti che creano il caso mediatico e fanno finta di dispiacersi.
Continuiamo a ritenere che una visione cristiana della vita e della morte, partendo dalla misteriosità dell’essere e dalla universale fratellanza degli uomini -figli di un unico Padre- aiuterebbe sicuramente ad attenuare perversioni del genere. Le numerose eccezioni presenti nella società dimostrano soltanto l’esistenza di persone non credenti che -consapevolmente o meno- possiedono uno sguardo sicuramente molto più cristiano verso l’uomo, di tanti sedicenti cattolici “adulti”.

Giornalista inglese critica la lobby omosessuale e riceve minacce di morte.

Una nota ed apprezzata editorialista del quotidiano britannico Daily Mail, Melanie Phillipshttp://en.wikipedia.org/wiki/Melanie_Phillips, ha ricevuto minacce di morte dopo che ha criticato il progetto del mondo omosessuale di introdurre la cultura “omosex” in tutte le materie del curriculum delle scuole in Gran Bretagna. In un articolo del 24 gennaio 2011, titolato “E’ vero che i gay sono stati spesso vittima del pregiudizio, ma ora rischiano di diventare i nuovi McCarthy”http://www.dailymail.co.uk/debate/article-1349951/Gayness-mandatory-schools-Gay-victims-prejudice-new-McCarthyites.html, ha polemizzato sul fatto che gli studenti britannici saranno quotidianamente bombardati da espliciti riferimenti all’omosessualità, durante le lezioni di matematica, geografia e scienza, grazie ad un’iniziativa sponsorizzata dal Governo e finalizzata all’introduzione dell’«agenda gay» nei programmi scolastici. In geografia, per esempio, gli studenti verranno stimolati a considerare quali siano le motivazioni che spingono gli omosessuali a trasferirsi dalla campagna alla città o studiare particolari fenomeni sociologici, come la nascita del primo «gay neighbourhood» (sobborgo gay) del mondo. In matematica dovranno imparare a calcolare e fare statistiche sul numero di omosessuali presenti nella popolazione. Alle elementari verranno utilizzati personaggi omosessuali nei problemini di logica. Per quanto riguarda la scienza, verranno ovviamente studiati i presunti fenomeni di omosessualità in natura, con particolare riguardo ai «pinguini imperatore» ed agli «orsi marini».  Per i più piccini, verranno introdotte idonee letture sul tema attraverso la promozione di libri come “And Tango Makes Three”, la storiella di due pinguini omosessuali che allevano un cucciolo. Durante le lezioni di disegno e tecnica, invece, gli studenti saranno stimolati a realizzare simboli legati al movimento per i diritti omosessuali, mentre gli insegnanti di inglese dovranno promuovere un’idonea conoscenza del «LGBT vocabulary», il linguaggio del mondo Lesbian, Gay, Bisexual and Transexual, e dovranno anche tener conto di personaggi omosessuali quando agli studenti verrà chiesto inscenare una recita teatrale. Melanie Phillips prende sul serio i rischi derivanti da questa iniziativa: «Per quanto possa sembrare assurda, questa iniziativa rappresenta l’ultimo tentativo di lavaggio del cervello dei ragazzi attraverso una propaganda camuffata da educazione». Siamo di fronte -continua la giornalista-, ad un «abuse of childhood», un vero e proprio abuso minorile. «Si tratta della solita implacabile e spietata campagna promossa dalla lobby per i diritti dei gay, finalizzata a distruggere la stessa idea che possa esistere un comportamento sessuale normale», ha spiegato. Oggi infatti esiste un preciso e sistematico progetto culturale il cui dichiarato intento è quello di penetrare profondamente nella mentalità comune. Si assiste quindi ad un passaggio per cui «esprimere concetti che ieri costituivano comuni norme morali, oggi rischia di essere non solo socialmente inaudito, ma anche vietato per legge». La donna in precedenti articoli aveva condannato le terribili discriminazioni subite dagli omosessuali nei Paesi islamici.
MINACCE DI MORTE. L’1 febbraio 2011 il Daily Mail pubblica però un altro articolo della Philips, intitolato: «Gli inviti ad uccidermi arrivati questa settimana dimostrano che i valori fondanti della nostra società sono in grave pericolo»http://www.dailymail.co.uk/debate/article-1352024/Calls-Melanie-Phillips-killed-gay-rights-prove-societys-values-danger.html?ito=feeds-newsxml. La giornalista scrive che «mi aspettavo una forte reazione, la quale avrebbe ampiamente confermano la verità di quello che avevo scritto. La risposta, tuttavia, ha superato perfino le mie aspettative». Nell’ultima settimana, ha dichiarato, «sono stata sottoposta ad una straordinaria effusione viziosa di odio e di incitamento alla violenza», attraverso messaggi di posta elettronica, internet e social network. Su Twitter infatti sono comparsi dei messaggi che suggerivano di uccidere  la giornalista prima di gettarla nel Tamigi, ovviamente il tutto condito da insulti irripetibili che solitamente sono però riservati solo ai  cattolici. Su alcuni messaggi di posta elettronica ha trovato scritto: «Sei una donna vile, velenosa, orribile e vecchia, la gente come te dovrebbe essere messa a tacere con la paura», e ancora: «Spero che tu venga investita da un treno», «Spero che la tua casa bruci» ecc… La Philips ha concluso con ironia: «Se la lobby gay voleva adoperarsi per cercare di dimostrare il mio punto di vista, non poteva fare un lavoro migliore».

mercoledì 16 febbraio 2011

Adozioni, la Cassazione corregge la stampa ma la bufala laicista continua

Adozioni, la Cassazione corregge la stampa ma la bufala laicista continua

La Cassazione fa marcia indietro sulle adozioni ai single: «Nessuna sollecitazione sui legislatori». Potremmo dire che rettifica, oppure corregge, oppure contraddice quei laicisti affannati dentro le agenzie di stampa che non desiderano altro che travisare delle notizie per coltivare la loro ideologia (come abbiamo dimostrato ad esempio in Ultimissima 25/11/10)http://www.uccronline.it/2010/11/25/smascherato-un-tentativo-laicista-di-screditare-la-chiesa-ecco-come-funziona/. Si, perché la notizia che la Corte di Cassazione abbia aperto platealmente ai single sembra sempre più una bufala giornalistica. Infatti tutto è nato per un caso in cui una donna italiana ha chiesto l’adozione di una bambina russa. E la Cassazione ha respinto la richiesta sostenendo che l’adozione dei minori, italiani o stranieri, non può esser riconosciuta alle persone singole. Ha quindi rigettato in gran parte l’istanza. Forse, come ricostruisce Avvenirehttp://www.avvenire.it/Commenti/editoriale+anzani+adozioni+single+cassazione_201102160749266400000.htm, qualcuno ha voluto esasperare un’uscita un pò maldestra della Cassazione, che nell’ultima frase della sentenza dice che la Convenzione di Strasburgo del 1967 lascia al legislatore nazionale la facoltà di ampliare l’adozione legittimante, se volesse ammettervi i singoli. Qualcuno ha così colto l’occasione per accendere il falò di una rivoluzione. Oggi però la Cassazione è intervenuta nuovamente, sottolineando che il senso della frase non corrisponde a come certa stampa lo ha interpretato: «non c’è stato alcun invito al legislatore da parte della Corte di Cassazione in materia di adozione».
Alcuni quotidiani però, con La Stampa e La Repubblica in testa, continuano ad intervistare dolcissime donne e uomini single e a propagandare lo slogan: “meglio un single che lasciarli in istituto”, o il denominato “principio del male minore”. Il tutto condito con tanto sentimentalismo e giustificato dal famigerato atto d’amore, che ricorda molto la motivazione per far passare l’eutanasia di stato. Ad esempio, viene intervistata sull’argomento il ministro Prestigiacomohttp://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=251&ID_articolo=79&ID_sezione=554&sezione=, e anche lei ribadisce: «È chiaro che è meglio che un bambino stia con un solo genitore piuttosto che in un Istituto, ma il problema non è da porre in questi termini. In Italia ci sono molte più coppie disposte ad adottare rispetto ai bambini adottabili. La vera priorità non è quindi l’adozione dei single ma sono i criteri che rendono adottabile un bambino che nel nostro paese sono ancora troppo rigidi. Quando si parla di adozioni bisogna ragionare sempre di cosa è meglio per il bambino ed è indiscutibile che per chi ha già subito il trauma dell’abbandono la soluzione migliore sia una famiglia composta da un padre e una madre». E ancora: «E’ meglio per un bambino essere collocato presso una famiglia. I single che vogliono adottare hanno ottime intenzioni, sia che lo facciano per soddisfare un bisogno di maternità o paternità, sia che lo facciano per fare del bene. Ma per il bambino è meglio essere accolto in una famiglia completa». Insiste: «La legge vigente è giusta per quel che riguarda i single perché l’adozione in casi speciali è già contemplata quando il rapporto affettivo con l’adottante è stabile e duraturo e precedente alla perdita dei genitori». La posizione della Prestigiacomo è quindi chiara e condivisibile: è meglio un single che un orfanatrofio. Ma in Italia le coppie sposate che vogliono adottare sono tante e tutte in attesa. Quindi la “presunta” apertura è inutile e sbagliata anche perché la legge comunque lo permette già. Ma sapete come viene intitolato l’articolo? Così: «Il ministro Prestigiacomo: “Meglio un solo genitore che in istituto”». Cioè, come incanalare l’opinione pubblica e sperare che qualcuno si fermi a leggere solo i titoli. Questa è l’ideologia laicista.
Sulla vicenda tornano comunque anche oggi gli esperti (oltre a quelli di ieri raccolti in Ultimissima 15/2/11)http://www.uccronline.it/2011/02/15/adozioni-la-cassazione-apre-ai-single-ma-gli-esperti-rifiutano/:
Il presidente del Forum delle associazioni familiari, Francesco Belletti dichiara: «in casi eccezionali già oggi la legge consente l’adozione da parte di single, ma sottolinea che questi casi devono restare, appunto, delle eccezioni e non diventare un improprio grimaldello per reclamare un allargamento delle maglie della legislazione». Al primo posto c’è il diritto del bambino «ad avere un padre e una madre che si curino di lui» e non, invece, il «desiderio degli aspiranti genitori».
L’editorialista de Il Giornale, Marcello Veneziani, scrive un ottimo commentohttp://rassegna.governo.it/rs_pdf/pdf/XI8/XI8KM.pdf: «Meglio un genitore adottivo che l’orfanotrofio. Meglio un figlio adottivo chela solitudine. Meglio favorire la nascita di legami affettivi, di mutua solidarietà. Sono d`accordo con le adozioni estese ai single. A condizione che si ribadisca una elementare scala di priorità: precedenza alla famiglia, che offre più garanzie di solidità, poi le coppie di fatto, infine i single. Nessuna discriminazione, ma una scala d’amore nell’interesse primario del bambino. Invece, se leggete i commenti dei moralisti a corrente alternata, vi accorgete che la sottile patina d’amore ricopre uno strato profondo di odio: contro la famiglia tradizionale, innanzitutto, poi contro la Chiesa, il governo e il Parlamento; e in favore, ma guarda un pò, dei magistrati. L’argomento da loro adottato è una buona ragione per respingere le adozioni ai single. Eccolo: ma chi lo dice che una famiglia vera sia meglio di un singolo, siamo sicuri che una coppia sia meglio di uno solo? Signori, sappiamo bene che l’umanità è varia, ci sono famiglie infernali, coppie da schifo o sull’orlo di separarsi. Ma sappiamo che secondo natura e cultura, secondo vita, storia e tradizione, le creature nascono e crescono in famiglia e hanno bisogno di un padre e una madre. E’ quello il loro alveo, su quell’elementare habitat siamo nati e cresciuti, su quelle basi si fonda la civiltà. Poi, certo, le famiglie possono essere pessime o sfasciate, come i single possono essere pessimi o torvi. Ma la legge, e la logica, parte dalla norma e poi si confronta con ciò che la smentisce. Invece no, si vuol capovolgere il diritto, la vita, la logica, partendo a rovescio. Ecco la perfidia e l’odio che si fanno scudo del bambino. Un bel colpo alla famiglia tradizionale, alla Chiesa, alla religione, al governo in carica. E ancora una volta, i giudici che non applicano la legge ma la inventano, si sostituiscono al potere legislativo».
Anche l’Associazione matrimonialisti italiani è contraria all’apertura ai single, per due ordini di motivi, spiega il presidente Gian Ettore Gassani: «Occorrerebbe modificare la Costituzione e cambiare i connotati del concetto di famiglia».
Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, sostiene che sia in atto una «pericolosa deriva licista». Lo stesso ministro esclude una nuova legge a proposito di adozioni e ribadisce che «già dalla prossima settimana ci sarà occasione per un segnale forte da parte del Parlamento per confermare il valore della vita»..
Anche il presidente dell’Udc, Rocco Buttiglione, critica i giudici che «non devono compiere indebite ingerenze nel campo legislativo che spetta al Parlamento». Ancora: «Il legislatore non deve porre le premesse per la creazione di nuovi legami affettivi che non corrispondano all’interesse del bambino, che ha diritto a un padre e a una madre».

Russia: dopo 20 anni dalla fine dell’ateismo, il governo è sempre più cristiano

Russia: dopo 20 anni dalla fine dell’ateismo, il governo è sempre più cristiano

La grande promessa del premier russo, Vladimir Putin è stata mantenuta: una legge, approvata dalla Duma con il solo “no” dei comunisti ha riconsegnato alla Chiesa Ortodossa l’immenso patrimonio sequestrato con violenza e senza scrupoli da regime ateo-sovietico. Una speciale commissione sta già cominciando a occuparsi della restituzione di altri beni: 1600 chiese ed edifici vari sparsi per il Paese e un tesoro ancora tutto da inventariare di oggetti sacri e icone custoditi nei più prestigiosi musei di Mosca e San Pietroburgo. Una vittoria storica per la Chiesa russa -riporta La Repubblicahttp://www.scribd.com/doc/45713593/La-Santa-Alleanza-tra-Putin-ed-il-Patriarca- uscita dalla clandestinità appena vent’anni fa quando la decisione di Gorbaciov di restituire ai cittadini libertà di pensiero e di culto fece il giro del mondo e diede un’ulteriore segnale della fine imminente dell’Urss. In un paese dominato per più di settant’anni da un fallimentare laicismo di Stato, dal divieto di credere in Dio, si assiste lentamente alla ri-conversione del popolo, del governo e dei suoi uomini più rappresentativi. Anzi, una vera e propria alleanza con la Chiesa Ortodossa, Nel 1922, nel pieno della carestia e della rivolta dei kulaki, l’ateissimo Lenin ordinò di «espropriare i beni della Chiesa con la più brutale e selvaggia energia», monasteri, pii istituti e varie proprietà ecclesiastiche furono distrutti o riconvertiti. Stalin, feroce ateo, rinchiuse e perseguitò ogni uomo di fede religiosa. Oggi invece si dice che Putin ostenti sempre più una fede che per anni deve aver evidentemente tenuta segreta, facendosi sorprendere da troupe televisive beninformate, mentre prega in solitudine in una chiesetta di campagna. Senza contare la sintonia di pensiero con il patriarca Kirill. E’ stato il suo intervento ha far bocciare l’anno scorso l’abolizione della parola “Dio” nella versione post sovietica dell’Inno nazionale (com’è stata bocciata negli Stati Uniti, d’altraparte). Sempre il premier si è battuto per il ritorno dell’ora di religione nelle scuole elementari. Per chi ha vissuto con l’ateismo militante, cioè il tentativo disperato di creare una società senza Dio, sa bene a quale profondità di male quest’ideologia può far arrivare. Così anche la Russia, come la Cina, entrambe segnata dall’esplosione dell’ateismo, si stanno riscoprono lentamente sempre più desiderose del cristianesimo.

La verità su Pio XII e il Nazismo

Esattamente 71 anni fa, il 2 marzo 1939, veniva eletto papa Pio XII.

E' tutt'ora al centro di numerose polemiche per quanto riguarda i cosiddetti "silenzi" sulla tragedia della Shoah, sulle sue presunte tendenze antisemitiche e sui suoi fantomatici rapporti col Nazismo.

Smentirò questi tre punti, anche se basterebbe leggersi gli "Actes et documents du Sainte Siège relatifs à la Seconde Guerre Mondiale"http://en.wikipedia.org/wiki/Actes_et_documents_du_Saint_Si%C3%A8ge_relatifs_%C3%A0_la_Seconde_Guerre_Mondiale, distribuiti in 12 volumi frutto di una ricerca nell'Archivio Segreto Vaticano durata 17 anni, voluta da Paolo VI e condotta dall'equipe di quattro storici gesuiti Pierre Blet, Robert Grahamhttp://en.wikipedia.org/wiki/Robert_A._Graham, Angelo Martini e Burkhart Schneider, nella quale si ristabilisce, con la prova dei documenti ufficiali, la verità sul pontificato di Pio XII durante la seconda guerra mondiale.



  • Pio XII fu prudente pubblicamente per non provocare effetti peggiori e salvaguardare l'operato della resistenza cattolica anti-nazista.
Già nel giugno 1943, prima dell’invasione tedesca di Roma e della razzia nel ghetto, Pio XII disse pubblicamente:
"Ogni parola da Noi pronunciata doveva essere attentamente vagliata, per non provocare - pur senza volerlo - mali peggiori agli stessi perseguitati".
(Tornielli, Pio XII, una firma contro le leggende nere, Tracce)

Ho scelto una tra le tante tesimonianze schiaccianti, la quale dimostra come fu proprio la resistenza cattolica tedesca a chiedere a Pio XII di non intervenire pubblicamente in modo diretto.
Lo racconta uno dei rappresentati della resistenza, l'avvocato bavarese Franz Josef Müller (1898-1979), esponente del cattolicesimo politico tedesco durante la Repubblica di Weimar e dopo la seconda guerra mondiale, membro del movimento di resistenza cattolica denominato La rosa biancahttp://dallaragioneallafede.blogspot.com/2010/02/i-cattolici-e-la-resistenza-nazista.html.

Müller era una pedina molto importante poiché faceva parte dei servizi segreti tedeschi, l'Abwehrhttp://it.wikipedia.org/wiki/Abwehr sotto la guida dell'ammiraglio Canaris, che divenne uno dei centri occulti dell'opposizione anti-hitleriana. Sono noti i suoi numerosi contatti con il Vaticano tra il 1939 e il 1940: veniva inviato a Roma con delle scuse, e in realtà incontrava dei prelati (alcuni tedeschi) collegati direttamente a Pio XII.
In questo bellissimo articolohttp://www.30giorni.it/it/articolo.asp?id=7362 potete trovare tutta la documentazione dei fitti rapporti fra la resistenza cattolica anti-nazista e il Vaticano.

Fu Muller ad informare il Pontefice dei progetti e dei piani dell'opposizione tedesca anti-hitleriana, con l'obiettivo di costituire una Germania democratica. Chiese anche che il Papa facesse da garante con il governo inglese, ruolo che Pio XII, con notevolissimi rischi, accettò di svolgere per mezzo dell'ambasciatore inglese presso la Santa Sede, D'Arcy Osborne.
Fu un "fatto assolutamente sbalorditivo nella storia del papato", come ha scritto Renato Morohttp://www.uniroma3.it/page.php?page=prorettoremoro, Prorettore dell'Università degli Studi Roma 3 ed esperto di Storia contemporanea (gli avvicendamenti bellici e l'arresto nel 1943 di Muller fecero naufragare il progetto)

Il 2 giugno 1945, un mese dopo la liberazione degli americani, Müller si recò in Vaticano. Pio XII affrontò per la prima volta in pubblico il problema dei rapporti fra la Chiesa e il nazismo, nonostante le critiche alla sua politica non andassero oltre qualche mormorio diplomatico e, invece, era generalmente riconosciuto e lodato il ruolo umanitario svolto dal Vaticano durante la guerra:

Parte del discorso dice: "Voi vedete ciò che lascia dietro di sé una concezione e un'attività dello Stato, che non tiene in nessun conto i sentimenti più sacri dell'umanità, che calpesta gli inviolabili principi della fede cristiana. Il mondo intero, stupito, contempla oggi la rovina che ne è derivata"
(Se la storiografia ignora le testimonianze, L'osservatore Romano 6/02/10)http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/cultura/2010/030q04a1.html

Ecco il documento schiacciante:
Alle critiche diffuse verso il "silenzio" pubblico del Papa durante il regime nazista, Müller rispose a lungo, rievocando le precise richieste che proprio la resistenza tedesca di orientamento aristocratico-militare (che fu poi quella che avrebbe organizzato l'attentato del 20 luglio 1944) aveva fatto ripetutamente al Pontefice:

"Il dottor Müller - scriveva Tittmann -ha detto che durante la guerra la sua organizzazione anti nazista in Germania aveva sempre molto insistito che il Papa si trattenesse dal fare qualsiasi dichiarazione pubblica specificamente diretta come condanna contro i nazisti, e aveva raccomandato che le osservazioni del Papa si mantenessero entro i limiti delle sole considerazioni generali. Il dottor Müller ha detto di essere stato obbligato a dare questo consiglio, poiché se il Papa fosse stato specifico, i tedeschi lo avrebbero accusato di cedere alle pressioni di potenze straniere e ciò avrebbe reso ancor più sospetti di quanto non fossero i cattolici tedeschi e avrebbe grandemente ristretto la loro libertà d'azione nella loro opera di resistenza al nazismo. Il dottor Müller ha detto che la politica della resistenza cattolica in Germania era che il Papa dovesse tenersi in disparte, mentre la gerarchia tedesca portava avanti la lotta contro il nazismo all'interno della Germania, senza che influenze esterne si manifestassero. Il dottor Müller ha detto che il Papa ha seguito questo consiglio per tutta la durata della guerra. Egli immagina che il Papa abbia deciso di scendere ora in campo aperto contro i nazisti poiché le implicazioni delle sue denunce sono attualmente assai importanti e sembrano al Papa soverchiare altre considerazioni".
(Questo eccezionale documento (n.242) è pubblicato anche nella raccolta 1939-1952 curata da Ennio Di Nolfohttp://www.polistampa.com/asp/sa.asp?id=549, professore emerito di Storia delle Relazioni Internazionali, del 1978 e dedicata a Vaticano e Stati Uniti)


  • Pio XII non era antisemita ma organizzò addirittura una rete clandestina in aiuto agli ebrei.
Un'altra testimonianza è stata scoperta, vagliata e riconosciuta vera dalla Pave the Way Foundationhttp://en.wikipedia.org/wiki/Pave_the_Way_Foundation nata da Gary Krupp, un ebreo di New York.
Essa dimostra come sull'antisemitismo di Pio XII sia stata costruita una vera e propria leggenda nera.

Ne parla don Giancarlo Centioni, che dal 1940 al 1945 ha lavorato come cappellano militare nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale a Roma e che fece parte di una rete clandestina creata da Pio XII in persona per salvare gli ebrei dalle persecuzioni naziste:
"Consegnavamo passaporti e soldi alle famiglie ebree perché potessero fuggire. Sia i documenti che i soldi venivano direttamente dalla Segretaria di Stato di Sua Santità, per nome e conto di Pio XII.
(Don Centioni, Così salvavo gli ebrei con Pio XIIhttp://www.tracce.it/default.asp?id=344&id_n=13931&pagina=1, Tracce 14/1/10)

Come dimostra una ricerca di Grazia Loparcohttp://www.nostreradici.it/casereligiose-persecuzionenazista.htm, lo sforzo della Chiesa fu enorme: solo in Italia, in più di 100 città e in 102 paesi, 500 case religiose maschili e femminili hanno nascosto degli ebrei.
"Uno sforzo così non si spiega senza una tacita benedizione di Pio XII, anche perché molti ebrei sono stati nascosti in istituti di clausura e solo un ordine speciale del Papa poteva permettere di violarla".
(Don Centioni, Così salvavo gli ebrei con Pio XII, Tracce 14/1/10)

Grazie al suo ruolo, don Centioni, ha potuto salvare molte vite:
"I miei colleghi sacerdoti tedeschi mi hanno invitato a partecipare alla rete clandestina. Siccome ero cappellano fascista, mi era più facile aiutare gli ebrei".
(Don Centioni, Così salvavo gli ebrei con Pio XII, Tracce 14/1/10)

Padre Pierre Blet, storico gesuita che lavorò 17 anni negli Archivio segreto Vaticano, sostenne inoltre:
"Negli archivi trovammo una miniera di documenti, lettere di Pacelli ai vescovi tedeschi. Quella scoperta ci permise di conoscere l’azione diplomatica segreta di Pacelli nel salvataggio di molti ebrei, ma anche la sua prudenza per evitare le persecuzioni ai fedeli cattolici.
(Intervista a padre Belt, Avvenire, 12 Novembre 2009)

Ricordiamo poi, come documenta Pierre Blet, che "nei Paesi occupati indirettamente dai nazisti, come la Slovacchia e l’Ungheria, fu grazie all’intervento diretto del Papa che si riuscì a fermare la deportazione di molti ebrei. Pio XII interveniva solitamente dove la sua azione poteva dare dei frutti reali. Inoltre padre Leiber, l'ultimo segretario particolare di Pio XII, mi ha confermato che il Pontefice aveva utilizzato la sua fortuna personale proprio per soccorrere gli ebrei perseguitati dal nazismo".
(Intervista a padre Belthttp://www.avvenire.it/Cultura/Pio+XII+e+Hitler+lettere+fantasma_200911120816473030000.htm, Avvenire, 12 Novembre 2009)


  • Non esistono carteggi tra il Pio XII e Adolf Hitler.
Questa falsa notizia è apparsa qualche anno fa su Le Monde.
Padre Blet risponde:"Se non abbiamo pubblicato la corrispondenza tra Pio XII e Hitler è perché essa non esiste. Inoltre se quella corrispondenza fosse esistita, le lettere del Papa sarebbero conservate negli archivi tedeschi e ve ne sarebbe traccia in quelli del Ministero degli Esteri del Reich e viceversa le lettere di Hitler sarebbero finite in Vaticano".
(Intervista a padre Belt, Avvenire, 12 Novembre 2009)



Conclusione
Ho dimostrato con alcune preziose testimonianze e documentazioni il perché dei "silenzi" di Pio XII rispetto al regime nazista, il suo aiuto concreto agli ebrei e l'inesistenza del carteggio con Hitler. L'odio ateo-anticattolico vuole sostenere che Pio XII in realtà appoggiasse ardentemente il potere di Hitler e lo sterminio di migliaia di uomini, ebrei e anche religiosi cattolici?
A loro l'onere della prova.

Concludo con una frase dell'ex rabbino capo di Roma, Eugenio Zollihttp://it.wikipedia.org/wiki/Eugenio_Zolli, che si convertì al cattolicesimo nel 1945. La sua conversione è una delle prove schiaccianti di come gli stessi ebrei fossero riconoscenti e stimassero Pio XII e la Chiesa Cattolica.
"Ciò che il Vaticano ha fatto resterà indelebilmente ed eternamente scolpito nei nostri cuori... hanno fatto cose che resteranno per sempre un titolo di onore per il cattolicesimo"
(Zolli, Prima dell'alba, autobiografia autorizzatahttp://www.libreriadelsanto.it/libri/9788821550621/prima-dellalba-autobiografia-autorizzata.html, San Paolo 2004, EAN)

Colonialismo Americano

Colonialismo Americano

Non solo si nega che il Cristianesimo, grazie all'insegnamento di Gesù, abbia spazzato via la schiavitù dalla storia umana (vedi qui)http://dallaragioneallafede.blogspot.com/2009/11/il-cristianesimo-aboli-per-sempre-la.html, ma si è scatenata una vera e propria leggenda nera e un revisionismo storico senza precedenti sugli stermini e le conversioni forzate promosse dalla Chiesa sui poveri Indios colonizzati.

Uomini che si dicevano cristiani effettivamente schiavizzarono gli Indios, ma lo fecero andando contro la morale cristiana e le stesse autorità ecclesiastiche di allora.

Dimostriamo come stanno le cose, non con altre interpretazioni personali di ciò che avvenne all'inzio della seconda metà del 1500, ma basandoci direttamente sulla bolla di Papa Paolo III che scomunicò pubblicamente gli schiavisti.

Dopo la scoperta dell’America, si pose nuovamente il problema della schiavitù, problema cancellato dalla storia grazie all’avvento del cristianesimo (vedi qui).http://it.wikipedia.org/wiki/Veritas_Ipsa

Il 2 giugno 1537 papa Paolo III emana la memorabile Bolla “Sublimis Deus” (o anche “Veritatis Ipsa”), con la quale spazza via tutti gli appetiti schiavistici sulle popolazioni del Nuovo Mondo, proclamando che "Indios veros nomine esse".(vedi qui)

Infatti per giustificare la loro schiavitù e razziare i loro beni, si adduceva l’idea che fossero selvaggi, non veri esseri umani e si portava come prova il fatto che non avevano la fede cristiana.

Il papa risponde definendo i portatori di questi potenti interessi addirittura “manutengoli di Satana, desiderosi di soddisfare la loro avidità, e costringere gli Indios occidentali e meridionali e altri popoli, che ci sono venuti a conoscenza in questi ultimi tempi, a servirli come fossero animali bruti, sotto il pretesto che non hanno la fede. Con l’autorità apostolica e attraverso questo documento stabiliamo e dichiariamo che i predetti Indios, e tutti gli altri popoli che in futuro verranno scoperti dai cristiani, anche se non sono cristiani, non si possono privare della libertà e del dominio della loro proprietà, e che è lecito ad essi godere della loro libertà e dei loro beni e acquisirne, né che si debbono ridurre in schiavitù. Se qualche cosa sarà fatta in contrario dichiariamo nulla e invalida alla detta fede in Cristo".
(Papa Paolo II, Sublimis Deus, 1537)

Nonostante il divieto di ridurre gli indigeni in schiavitù sia stato ripetuto da Gregorio XIV (Cum Sicuti, 1591), da Urbano VIII (Commissum Nobis, 1639), da Benedetto XIV (Immensa Pastorum, 1741) e da Gregorio XVI (In Supremo, 1839), nel corso dei secoli purtroppo le turpitudini si continueranno a perpetrare e anche alcuni uomini di Chiesa assumeranno (distaccandosi da essa) atteggiamenti e posizioni opposti a questo pronunciamento solenne del magistero, tuttavia questo sarà fatto in contrapposizione all’insegnamento del Vangelo e dell’autorità ecclesiale.

Conclusione:
Anche questa volta, perciò, non sono fondate le accuse alla Chiesa, ma semmai vanno giudicati quegli uomini (Nietzsche in primis), che hanno sostenuto la schiavitù (vedi qui: Nietzsche e schiavitù) e quei cristiani che, staccandosi dall'insegnamento della Chiesa, hanno tradito l'annuncio cristiano

Crimini dell'ateismo in Romania

Crimini dell'ateismo in Romania

Persecuzioni del comunismo ateo al cristianesimo
Non si può scindere l'ideologia comunista con l'ideologia atea.

Non si può non rilevare che i più grandi dittatori e usurpatori della storia furono tutti atei e anti-cristiani: Stalin, Pol Pot , Tito, Mao, Hoxtha, Milosevic, Nicolae Ceausesco ecc... Verificate voi stessi cliccando sul link che vi porterà alla loro biografia su Wikipedia (guardate la tabella riassuntiva sulla destra sotto la foto).

Non si può neanche non denunciare che la persecuzione ai cristiani era prassi comune nelle dittature comuniste e atee (come è riportato anche su Wikipedia).

Lo dimosta il fatto che nelle peggiori dittature dell'ultimo secolo l'ateismo era la religione di Stato (e lo è ancora nella terribile e disumana Cina, a Laos, in Corea del Nord e in Vietnam).
E' tutto ampiamente dimostrato in questo articolo: nelle dittature comuniste c'era l'ateismo di Stato.


Quel che avvenne nel carcere di Pitesti
Fra il 1949 e il 1952 nel carcere speciale di Pitesti, in Romania, a nord di Bucarest, sono avvenuti dei fatti ben oltre i Gulag sovietici e nazisti. Quel che accadde nel carcere di Pitesti fu l’apice dell’orrore del comunismo, l’orrore del totalitarismo, l'orrore dell'ateismo.

Il regime comunista cercò, al fine di creare l'uomo nuovo, di azzerare l’anima dei prigionieri: intellettuali, borghesi, religiosi e sopratutto studenti universitari. Lo strumento utilizzato erano le torture continue, giorno e notte, senza pausa.

La documentazione è anche raccolta nel libro in uscita in questi mesi: Musica per lupi da Dario Fertilio, giornalista del Corriere della Sera.

Il giornalista racconta a Il Giornale alcune orribili torture:
"pestaggi per mezzo di fruste, cinture, lance; sospensioni al soffitto con pesi da 40 chili per ore e giorni consecutivi; rottura delle dita delle mani e dei piedi; nutrizioni forzate a base di sale con divieto di bere; cozzi procurati delle teste, al modo delle incornate tra cervi; bruciature delle piante dei piedi; percosse alle tibie per mezzo di barre metalliche; costrizione a leccare il contenuto delle latrine; partecipazione obbligatoria a torture collettive, induzione a commettere reciprocamente atti di sodomia; sospensioni al soffitto per le ascelle con zaini sulla schiena carichi di pietre; schiacciamento sotto il peso di corpi, varianti fra il numero di quindici e diciassette; sbattimento di crani contro cemento o pareti delle celle; costrizione a dormire in posizioni fisse; perforazione delle piante dei piedi per mezzo di aghi; posizioni obbligate contro il muro, puntando l’uno o l’altro piede, per la durata di tutta la notte; ordine di produrre masse fecali dove successivamente si depongono gli alimenti; induzione a orinare nelle bocche dei compagni; disposizioni di mangiare direttamente dalle gavette cibo bollente, a quattro zampe e senza ricorrere alle mani; immersioni prolungate delle teste nei buglioli; percosse alle casse toraciche sino alla frattura delle costole, ecc...". (link all'articolo del 16/3/10)

Lo scopo era annientare le anime dei reclusi di Pitesti: la famiglia, i genitori, il proprio passato non solo dovevano essere rinnegati appunto a seguito della tortura che durava giorno e notte, ma si doveva arrivare a un livello per cui si accusavano i propri genitori, i propri figli, la propria moglie delle peggiori nefandezze.


Per i religiosi non era finita qui.
I religiosi inoltre dovevano partecipare alla processione in cui a Gesù e Maria vengono rivolti insulti irripetibili e ricevere l’eucaristia intingendo il pane nell’urina. Così si arriva al paradosso che il torturato stesso cerchi Eugen Turcanu al fine di denunciare il proprio passato, rivelare di aver compiuto o pensato le cose più inimmaginabili. Il tutto in un’atmosfera che sconfina addirittura in un misticismo folle e il blasfemo.

"Fini sempre più solo e al Senato perde i pezzi Menardi lascia il gruppo: ora rischia di sparire"

Roma - La fiducia al governo sul decreto milleproroghe al Senato era scontata visto che gode di una maggioranza piena come sì e visto con la fiducia del 14 dicembre, ma non era fatto scontato lo sfaldamento del gruppo del Fli che sulla fiducia ha votato in ordine sparso nonostante l’indicazione a votare contro del capogruppo Pasquale Viespoli. Hanno votato contro, infatti, oltre a Viespoli anche Mario Baldassarri, Maurizio Saia e Giuseppe Valditara, si è astenuto Francesco Pontone e non hanno partecipato al voto Giuseppe Menardi (che ha dichiarato in suo dissenso in aula), Maria Ida Germontani, Egidio Digilio, Candido De Angelis e Barbara Contini.
L'addio di Menardi "La mia esperienza all’interno di Futuro e libertà al Senato è finita". Lo annuncia il senatore Giuseppe Menardi che da giorni è su posizioni critiche verso Gianfranco Fini e Italo Bocchino e già stamani aveva votato in dissenso dal suo gruppo nella fiducia sul decreto milleproroghe. Il punto è che Fli a Palazzo Madama conta su dieci senatori e se Menardi va via il gruppo si scioglie se non ci sono nuovi arrivi nei prossimi giorni. L’addio anche formale avverrà una volta conclusi gli adempimenti di carattere corrente legati al suo ruolo di segretario amministrativo. Se non interverranno novità, o nuovi ingressi di senatori, i futuristi a Palazzo Madama potrebbero restare senza un gruppo parlamentare. "Io - prosegue Menardi - torno nei confini della maggioranza parlamentare e credo che dovremo trovare qualche collega per dare spazio ad un’anima critica nel centrodestra in modo che sia la terza gamba della maggioranza. Per quanto mi riguarda - sottolinea - non c’è più il gruppo, ne sono uscito. Non c’è bisogno di scriverlo a Viespoli perché gliel’ho già annunciato di persona".
Il contenuto del milleproroghe Le due maggiori novità del maxiemendamento, introdotte con misure aggiunte ex novo al testo uscito dalle commissioni Bilancio e Affari costituzionali, riguardano le banche (un aiuto in vista di Basilea 3, introducendo il soccorso del Fisco) e Parmalat (vengono dichiarate inefficaci eventuali modifiche allo Statuto). Un’altra novità è la modifica della disciplina fiscale dei fondi comuni di investimento. Arriva inoltre qualche modifica rispetto al testo varato dalle commissioni. Poste potrà acquistare partecipazioni nelle banche ma "ai fini di attuazione della Banca del Sud". Confermato invece lo scorporo di Bancoposta. Per le quote latte viene mantenuta la proroga di sei mesi, ma si riducono le risorse (da 30 a 5 milioni) e sparisce la copertura attraverso tagli lineari alla tabella C. Una proroga "utile" per il leghista Vallardi, "scandalosa" per D’Alema, con il Pd che chiede le dimissioni di Galan. L’aiuto ai "furbetti" delle quote latte non piace nemmeno agli agricoltori che tornano a minacciare la piazza. Confermate infine molte delle misure decise nei giorni scorsi: dallo stop alla tagliola per i ricorsi dei precari, alle tasse sul cinema e sulle calamità, dal ritorno della social card all’introduzione del foglio rosa per motorini e mini car. E mentre la Cgil plaude alla norma sui precari ma aspetta per un giudizio definitivo, il Pd attacca su più fronti, dal congelamento "incostituzionale" delle graduatorie al "fallimento" della social card, dai tagli ai fondi per la sla.
I finanziamenti allo spettacolo Buone notizie sul fronte del settore cultura e spetttacolo. Per il Fus ci sono gli annunciati 15 milioni in più (aggiuntivi rispetto agli attuali 258). Risorse che risultano finalizzate alle fondazioni lirico-sinfoniche. La copertura finanziaria di questi 15 milioni si trova nei risparmi alla voce "spesa farmaceutica". Altri 3 milioni ciascuno (extra rispetto ai 15 milioni) vanno alla Scala, all’Arena di Verona e alla Fondazione sinfonica Giuseppe Verdi e fanno capo al capitolo di bilancio del ministero dell’Economia per il 2011. Quanto poi agli incentivi fiscali per il cinema che sono prorogati fino a giungo prossimo, la copertura finanziaria, come noto, è da rinvenirsi nell’incremento di 1 euro del biglietto del cinema che, stando alle stime, farà incassare 120 milioni. Il ministro Bondi rassicura: "E' un primo segnale importante".
PARMALAT Si bloccano di fatto eventuali modifiche allo statuto del gruppo che impedisce di distribuire in dividendi oltre il 50 per cento dell’utile fino al 2020.
AIUTO A BANCHE In vista dei vincoli più stringenti imposti da Basilea 3 si consente agli Istituti, ai fini del calcolo della patrimonializzazione, di trasformare le imposte anticipate iscritte nei bilanci in crediti d’imposta qualora nel bilancio venga rilevata una perdita di esercizio. Previsto anche il rinvio al 2014 dell’obbligo di alienazione delle partecipazioni superiori allo 0,5% del capitale nelle banche popolari.
MUTUI Per chi è in difficoltà arriva il diritto di surroga anche sulle garanzie, senza necessità e formalità aggiuntive, del mutuo oggetto di sospensione cartolarizzato dalla banca.
TASSA TERREMOTO E RIFIUTI La Regione colpita da calamità potrà essere costretta ad alzare le tasse o le addizionali di propria competenza, compresa l’accise sulla benzina "fino ad un massimo di cinque centesimi per litro". In Campania per fronteggiare l’emergenza rifiuti potrà essere incrementata l’addizionale all’accise dell’energia elettrica.
POSTE IN BANCA SUD Poste Italiane potrà acquistare partecipazioni, anche di controllo, nel capitale di banche, ai fini dell’attuazione della Banca del Sud. Previsto lo scorporo di Bancoposta.
STOP TAGLIOLA PRECARI Per tutto quest’anno non si applicherà la norma del collegato sul lavoro che restringe a 60 giorni il termine per l’impugnazione dei licenziamenti.
PRECARI SCUOLA Sono congelate le graduatorie provinciali dei precari della scuola fino al 31 agosto 2012. Ma, allo stesso tempo, si afferma che "sono fatti salvi gli adempimenti" che seguiranno alla bocciatura della Consulta proprio delle graduatorie provinciali.
UN EURO IN PIÙ CINEMA Dal primo luglio 2011 e fino al 31 dicembre 2013 il biglietto del cinema costerà un eruo in più, fatta eccezione per le sale delle comunità ecclesiali o religiose.
QUOTE LATTE Gli allevatori, che avrebbero dovuto cominciare a pagare le rate delle multe sulle quote latte il 31 dicembre 2010, avranno sei mesi di tempo in più. Le risorse ammontano a 5 milioni di euro.
CAMBIA TASSAZIONE FONDI INVESTIMENTO Dal primo luglio i fondi comuni di investimento saranno tassati sul realizzato e non più sul maturato.
MEDIACONCILIAZIONE Previsto il rinvio di un anno dell’entrata in vigore dell’obbligo della media-conciliazione per le "liti di condominio e di risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti". Proroga di un anno dell’esenzione del pagamento del contributo unificato per le controversie in materia di lavoro davanti alla Cassazione.
SFRATTI In arrivo la proroga al 31 dicembre 2011 del blocco degli sfratti per le categorie disagiate.
STOP DEMOLIZIONI ABUSI CAMPANIA Saranno sospese le demolizioni delle abitazioni abusive in Campania derivanti da sentenze passate in giudicato fino al 31 dicembre 2011.
ABRUZZO È sospesa la riscossione delle rate non versate in scadenza tra il primo gennaio 2011 e il 31 ottobre 2011. La ripresa della riscossione delle rate non versate sarà disciplinata da un decreto del presidente del consiglio dei ministri. Nella norma c’è anche lo slittamento dei termini degli adempimenti tributari dal gennaio 2011 al dicembre 2011. Viene inoltre istituita la ’giornata della memoria per le vittime del terremotò che ha colpito l’Abruzzo e si precisa che "tale giornata non costituisce festività ai fini lavorativi".
EDITORIA E TV LOCALI In arrivo 30 milioni di euro per il fondo di sostegno all’editoria e 15 milioni di euro per le radio e le Tv locali. Il taglio alle risorse previsto nel testo originario viene solo in parte ridotto. Con i nuovi stanziamenti il fondo a sostegno dell’editoria arriva a 166 miliardi di euro, compresi gli 86 milioni di residui dell’anno scorso.
INCROCI STAMPA-TV È prorogato fino al 31 dicembre 2012 il divieto di incroci tra settore della stampa e settore della televisione. Si cambiano inoltre le norme attualmente in vigore che stabiliscono che chi ha più di una rete televisiva non può comprare un quotidiano e si sostituiscono con un meccanismo che calcola i ricavi del sistema integrato delle comunicazioni o i ricavi del settore delle comunicazioni elettroniche. Per il Pd si apre la strada all’acquisto del Corriere della Sera da parte di Mediaset.
CONSOB Al via la riorganizzazione dei servizi e del personale a partire dal primo luglio. Saltata la parte che prevedeva la "progressiva concentrazione" delle attività a Milano.
MALATI DI SLA Il testo originario prevedeva che dei 400 milioni di euro destinati al 5 per mille, una somma "pari" a 100milioni di euro sarebbe andata alla Sla. Con il maxiemendamento del governo la parola "pari" viene sostituita da "fino" aprendo la strada ad una possibile discrezionalità.
RISORSE A ENTI LIRICI Un aumento di 15 milioni di euro per il fondo unico dello spettacolo (Fus) ma sarà finalizzato solo alle fondazioni liriche. In arrivo anche risorse per l’Arena di Verona, la Scala di Milano e la fondazione orchestra sinfonica e coro sinfonico di Milano Giuseppe Verdi.
SOLDI ALLUVIONATI In arrivo 100 milioni di euro per la Liguria, il Veneto, Campania e i Comuni della provincia di Messina.
CASE FANTASMA Un mese in più per dichiarare le case fantasma. Il termine slitta al 30 aprile.
ACCONTO AI COMUNI In attesa dell’attuazione del federalismo municipale, arriva ai Comuni un acconto Irpef sugli importi comunali incassati.
SOCIAL CARD A ENTI CARITATIVI Il governo affida la social card agli enti caritativi presso i quali si avvierà una sperimentazione di 12 mesi.
FOGLIO ROSA PER MOTORINI E MINICAR Per esercitarsi dopo aver passato la prova teorica e in attesa di misurarsi nella prova pratica.
ASSESSORI ROMA Potranno aumentare fino a 15. La misura vale per tutti i Comuni con più di un milione di abitanti.
FONDO USURA, MAFIA, ESTORSIONE Nasce il fondo unico.
BOT E ASSICURAZIONI Le compagnie di assicurazione potranno iscrivere all’attivo di bilancio, valido ai fini del calcolo di solvibilità, i titoli di Stato emessi garantiti da paesi europei, purché destinati a rimanere "durevolmente" nel patrimonio.
BANDA LARGA Per rifinanziare il Fondo per il passaggio al digitale è autorizzata la spesa di 30 milioni di euro per il 2011, soldi che saranno presi dalle risorse finalizzate ad interventi per la banda larga.
MANIFESTO SELVAGGIO In arrivo una nuova sanatoria per "manifesto selvaggio". Si pagherà una sanzione di mille euro e il pagamento dovrà essere effettuato entro il 31 maggio 2011.
PROCREAZIONE ASSISTITA I centri per la procreazione medicalmente assistita dovranno inviare i dati richiesti al ministero della Salute che li inoltrerà all’Istituto superiore di Sanità e al Centro nazionale trapianti.
OSPEDALI ITALIANI NEL MONDO In arrivo un contributo di 200mila euro nel 2011.
LA SODDISFAZIONE DI AIFI Aifi esprime forte apprezzamento per la revisione della tassazione dei fondi comuni di investimento, che impatterà, in particolare, anche sui fondi di private equity, introdotta con il Decreto Milleproroghe approvato oggi in prima lettura al Senato. I principali profili della riforma, quali la defiscalizzazione dei fondi, la tassazione a carico dei partecipanti al momento del realizzo dei proventi e la trasparenza fiscale del veicolo a vantaggio degli investitori non residenti, rispecchiano le richieste che Aifi ha portato più volte all’attenzione delle istituzioni in occasione dei diversi tentativi, finora mancati, di introdurre i correttivi. Per i fondi di private equity italiani il regime fiscale in vigore ha creato uno svantaggio competitivo notevole rispetto ai fondi di diritto estero e ha generato problemi all’operatività pratica, in quanto non consente ai gestori di applicare i metodi di valutazione delle partecipazioni allineati a quelli previsti dalla prassi internazionale.
da la Redazione de Il Giornale

giovedì 20 gennaio 2011

I Vangeli sono veri?

I Vangeli sono veri?

Nel 2010 i cattolici superano i protestanti anche negli Stati Uniti

Nel 2010 i cattolici superano i protestanti anche negli Stati Uniti

pubblicata da Anti UAAR il giorno giovedì 20 gennaio 2011 alle ore 17.03
Il nuovo Atlante mondiale del cristianesimo ha fornito dati interessanti sulla percentuale di cristiani presenti in paesi come gli Stati Unitihttp://www.religionenlibertad.com/articulo.asp?idarticulo=13304, tradizionalmente considerati di maggioranza protestante. "The Caterina da Siena Istitute" dimostra che mentre all'inizio e alla metà del XX secolo gli Stati Uniti d'America erano interamente protestanti, alla fine del ventesimo secolo e il quadro era diverso: il cattolicesimo stava crescendo ed è oggi la religione con il maggior numero di seguaci. Nel 1910 la situazione era questa: 65% protestante, il 22% cattolica, il 10% di indipendenti cristiani, 4% anglicani, ortodossi 1% e l'1% altri. Nel 2010 è completamente diverso: il 25% protestante, il 35% cattolico, 31% indipendenti, 1% anglicani, 3% ortodossi e 5% altri. Questi dati confermano che, dopo Brasile, Messico e Filippine, gli Stati Uniti sono lo Stato con il maggior numero di cattolici nel mondo.

Ruby-gate, la persecuzione dei pm In sei mesi 100mila intercettazioni

Roma - Almeno 100mila telefonate intercettate, 600 al giorno per sei mesi. A tanto ammonta lo "spiegamento di forze" dei magistrati di Milano per il Ruby-gate. Sono almeno 100mila le telefonate e gli sms intercettati dalla procura di Milano in meno di 6 mesi, tra giugno e dicembre 2010, nell’inchiesta sul caso Ruby: la media è di circa 600 intercettazioni al giorno. È quanto ha calcolato il settimanale Panorama in un articolo che sarà publicato sul numero in edicola da domani.
La conta Il calcolo si ricava alla somma dei numeri progressivi delle telefonate e degli sms intercettati alla trentina di soggetti che risultano sotto controllo nelle 389 pagine dell’invito a comparire inviato il 14 gennaio dalla procura di Milano a Silvio Berlusconi. Ma poiché gli ascolti hanno riguardato sicuramente anche altri soggetti, il numero complessivo delle intercettazioni seguite è certamente più elevato. Gli uomini del Servizio centrale operativo della polizia annotano, per fare alcuni esempi, quasi 27mila intercettazioni per Lele Mora, l’agente delle star; 14.500 per Nicole Minetti, consigliere regionale del Pdl; un migliaio abbondante per Emilio Fede, direttore del Tg4; e 6.400 per la stessa Ruby, Karima El Mahroug. Nelle sue carte, la procura dà conto anche di 28 interrogatori, e di sequestri, e d’indagini bancarie e postali, perfino di traduzioni dallo spagnolo. Si è saputo anche di alcuni pedinamenti. L’operazione Ruby si è poi conclusa con le 14 perquisizioni ordinate all’alba del 14 gennaio, che hanno coinvolto almeno 150 agenti tra equipaggi delle volanti e personale in ufficio.
I legali del premier e la competenza I legali di Berlusconi, gli avvocati Piero Longo e Niccolò Ghedini, domani faranno pervenire ai pm che si occupano del caso Ruby una nota in cui spiegheranno che la procura di Milano non è competente a indagare sulla vicenda. È ormai chiara l’intenzione del presidente del Consiglio, accusato di prostituzione minorile e concussione, di non voler rispondere all’invito a comparire dei magistrati nelle date del 22, 23 e 24 gennaio. I difensori di Berlusconi definiranno la loro strategia difensiva dopo che la giunta per le autorizzazioni della Camera si sarà espressa sull’autorizzazione a perquisire Giuseppe Spinelli, ragioniere del capo del governo che si era opposto all’ingresso delle forze dell’ordine dei suoi uffici dichiarandoli di "pertinenza politica".